fbpx

Hotel Weisshorn-un italiano sulla vetta

Alcuni destini sono affascinanti. Oggi vi racconto quello di Francesco Mosoni, un italiano nato a Domodossola nel 1845, quindi emigrato in Vallese dove iniziò a lavorare nella ristorazione. 

Francesco pensò bene a sistemarsi a Sierre, ai piedi del magnifico Val d’Anniviers, splendida valle che tuttora gode del cachet tipico di quei posti tradizionali, preservati dalle masse turistiche, pur offrendo moltissime attività ed attrezzature sportive di ottimo livello. Ed è proprio nel Val d’Anniviers e per evitare la concorrenza già esistente allora, che decise nel 1882 di costruire una struttura ricettiva sul versante della montagna che collega St-Luc a Zinal, a ben 2337 metri di altitudine. Furono in molti a dargli del matto e dovette affrontare i lavori in grande solitudine…Peccato che nel 1889 l’edificio bruciò e Francesco dovette rimettersi all’opera, prevedendo tuttavia la struttura in pietra e non in legno, lavori che durarono due anni. Considerate che all’epoca c’era solo una mulattiera per andare da Vissoie (villaggio base a 1200 di altitudine fornito dei materiali necessario) al punto prescelto privo ovviamente di elettricità, acqua corrente e riscaldamento…. E’ stato documentato che il solo trasporto del pianoforte durò due giorni e si fece a spalla con 2 gruppi di 6 uomini ciascuno che si alternavano.  Quindi 1137 metri di dislivello, da compiere centinaia di volte a dorso d’asino e a cavallo, caricando tutti i materiali da costruzione… immaginatevi un po’…

L’Hotel Weisshorn, in stile inglese, dotato di fumoir e dove era obbligatoria la tenue de soirée per la cena, fu inaugurato nel 1891. Nel 1914 Francesco Mosoni morì e l’albergo chiuse qualche anno durante la prima guerra mondiale per riaprire nel 1917 dalla figlia Emma e suo marito, Henri Tosello, anche lui di origine italiana.

La relativa descrizione pubblicitaria è, secondo me, affascinante:

> Albergo dotato di ogni comfort: bagno, riscaldamento elettrico, telefono, trasporto con cavalli, vetture e muli sino all’albergo mediante il sentiero montano. Cura di latte appena      munto, cura di uva a partire dal 20 agosto. Sport: alta montagna e nuoto (Lago di Combavert 3-4 ore di cammino e Lago del Tounot 1 ora di cammino: laghi di montagna freddi, tonificanti e rigeneranti, circa 6 gradi d’estate) <

Alla morte dei proprietari, l’albergo passò di mano prima di essere abbandonato nel 1966. Nel 1968, 4 amici del luogo si consorziano per rilevarlo prima che, nel 1990, la furiosa tempesta di alta montana Vivian ne strappa il tetto, impedendone l’abibilità per alcuni anni. Viene finalmente ricomprato da un industriale di Lucerna, Werner Fischer, grande amante della montagna, che ha saputo conservarne il lustro, per la gioia di tutti noi.

Quindi, nonostante queste numerose peripezie, la Storia ha dimostrato che il Sig. Francesco Tosoni Fu molto lungimirante e la sua intuizione perfetta individuando quel posto come location ideale per tutti gli amanti della montagna e della natura.

Infatti, come ogni storia a lieto fine, l’albergo aperto tutto l’anno, ristrutturato e dotato di maggiori comforts, ha conservato il suo cachet di un tempo e gode di una grande fama, accogliendo migliaia di visitatori ogni anno da ogni parte d’Europa. L’albergo è anche location di matrimoni, feste e ricorrenze varie. L’interesse di questo posto è anche dovuto al fatto che vi si può accedere da 3 diversi versanti di varie difficoltà ed è un punto di partenza ideale per grandi escursioni e tracking di una o più giornate.

Troverete sotto alcuni scatti e links su questo splendido posto.

 

Sito internet albergo Weisshorn

Pagina facebook albergo Weisshorn

Sito Val d’Anniviers

 

Ultima modifica ilMercoledì, 02 Ottobre 2019 21:22
(0 Voti)
Letto 440 volte
Etichettato sotto :

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.